Il cane Bassotto

Il cane Bassotto

Il cane Bassotto, info sulla natura della sua razza

Origini del Bassotto



L’origine di questa e di altre razze simili è legata ad una malformazione patologica: forse l’acondroplasia o la condrodistrofia, malattie che inibiscono lo sviluppo delle ossa lunghe.

Queste malattie hanno due particolarità: sono ereditarie e quindi trasmissibili geneticamente e sono perfettamente compatibili con la vita.
Queste patologie non creano alcun problema di salute al cane, infatti il bassotto è molto longevo ed in età avanzata non presenta particolari problemi.

In tempi molto antichi l’uomo si è accorto che i cani con queste patologie potevano essere molto utili per la caccia, poiché cani con zampe così corte potevano raggiungere la preda direttamente nella tana; così la selezione umana ha immortalato una condizione canina che la natura non avrebbe mai mantenuto.

Forse l’utilità del bassotto per la caccia si è scoperto contemporaneamente in diverse parti del mondo, agli albori della civiltà: quindi è impossibile risalire ad un unico progenitore della razza.
Meglio nota, è, invece, la storia più recente che ha inizio in Germania, in particolare in Baviera, dove sorsero i primi allevamenti. Alla fine dell’800, però i cani migliori venivano prodotti in Inghilterra dove il bassotto ebbe un gran boom sia come cane da caccia sia come cane da compagnia.
La popolarità del bassotto subì un arresto durante la prima guerra mondiale, quando i caricaturisti inglesi utilizzarono l’immagine del bassotto come parodia del nemico tedesco.

Al termine del conflitto le sorti della razza iniziarono a risollevarsi e gli inglesi cominciarono ad allevarli nuovamente.

Aspetto e caratteristiche del Bassotto

Il bassotto esiste in tre varietà di taglia: standard, nano e kaninchen; a loro volta suddivise in sottovarietà di pelo: lungo, corto e duro.

Il bassotto da cui originano tutti gli altri è il bassotto standard a pelo corto; quello a pelo duro fu creato nel 18° secolo incrociando il bassotto con il Terrier a pelo duro e con lo Schnauzer nano; mentre quello a pelo lungo fu ottenuto da incroci con lo Spaniel tedesco, ottimi riportatori, splendidi animali da compagnia e poco aggressivi.

L’effetto di questa intrusione di sangue nel bassotto a pelo lungo è visibile anche caratterialmente, infatti questo bassotto ha uno spirito più pacifico e a differenza degli altri bassotti non ha molta voglia di rincorrere le prede; ciò fa si che sia meno idoneo alla caccia e più adatto al ruolo di cane da compagnia.

Per quanto riguarda il bassotto nano, esso è il risultato di diversi incroci tra standard particolarmente piccoli, mentre il kaninchen, che significa “cane da coniglio” perché la sua taglia ridottissima gli permette di entrare nelle piccole tane dei conigli selvatici, è stato ottenuto dall’incrocio con lo Zwergpinscher (pinscher nano), il cui influsso emerge nel muso più corto, negli occhi rotondi nello stop più marcato.

La taglia dei bassotti non viene determinata dall’altezza al garrese, come nelle altre razze, ma dalla circonferenza toracica: quella massima per i nani è di 35 cm, per i kaninchen è di 30 cm, oltre i 35 cm si parla di categoria standard.

La FCI ammette solo l’accoppiamento di bassotti della stessa taglia e varietà di pelo; non sempre però la taglia può essere definita, se essa non è specificata nel pedigree deve essere confermata a 12 mesi con la misurazione della circonferenza toracica effettuata da un giudice ENCI in esposizione.

Il pelo corto deve essere fitto e brillante bene aderente al corpo, i colori ammessi sono il nero focato ed il fulvo chiaro o scuro. Il pelo lungo deve essere morbido, liscio e setoso, può essere ondulato sotto il collo, nella parte inferiore del corpo, sulle orecchie, sulle zampe, presenta frange nella parte inferiore della coda.

I colori ammessi sono gli stessi per quello a pelo corto.

Il pelo duro è fitto ed aderente al corpo con sottopelo, deve presentare le difese, ossia barba sul mento, baffi e sopracciglia cespugliose, la coda non deve presentare frange; i colori ammessi sono il nero focato ed il cinghiale che è il colore più diffuso per questa varietà.

Il carattere del Bassotto

Il bassotto è un cane da tana, molto coraggioso, disposto a vedersela muso a muso con avversari anche più grandi di lui.

Il bassotto non è un cane tranquillo da parcheggiare sul divano sui cuscini, il cane vi rimarrà solo per pochi minuti.

Sempre in movimento, corre e salta avanti ed indietro raggiungendo delle velocità impensabili per un tipetto come lui, distruggerà qualsiasi oggetto che per lui rappresenta una preda.

Dinamismo ed aggressività sono doti per questa razza, è un cane che non ama molto gli altri amici cani, entra in sintonia con altri bassotti ma purchè siano di sesso opposto al suo.

Se conosce gli altri cani sin da piccolo non avrà problemi a stringere amicizia, in caso contrario tenderà a litigare.

Il bassotto ha un carattere forte, quando non vuole fare qualcosa non la fa e quando vuole qualcosa farà di tutto per ottenerla. Un carattere come questo dei bassotti ha bisogno di un padrone che abbia un pugno duro e fermo, contrariamente può diventare un piccolo dittatore sempre pronto a dettare la sua volontà.

Il bassotto è una piccola peste, simpatica ed intelligente. Sembra testardo ed autonomo, ma senza il suo padrone non sa vivere.

La salute e la cura del Bassotto

Il bassotto è un cane che non deve ingrassare, deve fare molto esercizio fisico, anche lunghe passeggiate con il padrone, in modo da scaricare anche l’energia e lo stress.

Il bassotto è un cane robusto e longevo, però anche lui ha i suoi punti deboli che sono due: il primo, che riguarda soprattutto i bassotti a pelo raso, sono gli sbalzi di temperatura, non li sopportano e possono fargli male; quindi è meglio fargli indossare un capottino quando si esce in inverno; il secondo è una certa debolezza del dorso dovuta alla sua conformazione, schiena lunga e zampe corte significano già un super lavoro per la colonna vertebrale, ovviamente quella di un bassotto grasso avrà grossi problemi.

I bassotti a pelo corto e lungo vanno spazzolati e pettinanti con regolarità; invece il pelo duro va strappato.

Lo stripping consiste semplicemente nello strappare solo il pelo morto con le dita o con un pettine, in questo modo il cane si sentirà molto meglio, dato che il pelo morto provoca forte prurito.

È importante effettuare lo stripping solo quando il pelo è maturato non prima.

Attitudini del Bassotto

Il bassotto nano ed il kaninchen sono dei cani per lo più adatti alla compagnia più che al lavoro.

Il bassotto standard è l’unico che ha ancora un’attitudine venatoria.


Scheda riassuntiva
Origine: Germania.
Sezione: IV gruppo.
Tipo: cane da caccia sopra e sotto terra.
Varietà: taglia standard a pelo corto; a pelo lungo e a pelo duro, nano a pelo corto, a pelo lungo e a pelo duro; kaninchen a pelo corto, a pelo lungo e a pelo duro
Circonferenza toracica: oltre 35 cm (Taglia standard); fra i 30-35 cm (Taglia Nana); non oltre 30 cm (kaninchen).
Taglia: piccola
Carattere: affabile con temperamento equilibrato, rissoso con gli altri cani.

Read Previous

Il cane Alano, info sulla natura della sua razza

Read Next

La prima visita veterinaria di un cucciolo di cane.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *